Casinò, grandi colpi memorabili

Di solito le persone che vanno al casinò lo fanno per tentare la fortuna e giocare a carte. Ogni anno molti giocatori cercano di fare il colpo grosso e diventare ricchi. Giocare al casinò per molti rappresenta un momento di relax, un’evasione dalla vita quotidiana.

Di norma qualsiasi casinò ha un margine a loro favore di probabilità ma nonostante questo c’è chi vince ed anche molto. Ci sono alcune persone che hanno scelto la via veloce per i cosiddetti “soldi facili” ma sono stati beccati e fermati. Leggi 7Signs Casino recensioni .

Anthony Carleo

Siamo al Bellagio di Las Vegas, un temerario in sella alla sua moto è entrato nel casinò e si è fermato ad un tavolo di lancio dadi. Ha preso 1,5 milioni in chip ed è fuggito sempre in sella alla sua moto. E’ sfrecciato via ma è stato rintracciato quando ha cercato di vendere le chip in sito di poker online.

Non contento di questa vendita si è ripresentato al Bellagio ed ha cercato di vendere le chip ad un cliente. La sfortuna ha voluto che il cliente fosse un agente di polizia sotto copertura. Carleo nel 2011 si è dichiarato colpevole così è stato condannato ad una pena dai 9 ai 27 anni.

Heather Tallchief

In una città come Las Vegas i casinò non mancano anzi e per questo è molto probabile che ci siano numerosi tentativi di colpi. Alcuni di essi sono un po’ pasticciati altri più precisi. Alla fine però i colpevoli vengono quasi sempre beccati e condannati.

L’attacco al Circus Circus Casinò da parte di Tallchief costò a quest’ultima alcuni anni di galera. Heather fidanzata con Solis accettò di portare via 2,5 milioni di dollari dal camion blindato che a bordo aveva i soldi del casinò.

La coppia fuggì attraversando le Isole Cayman e St. Martin ma una volta arrivati alla destinazione finale ci fu la svolta. Solis, un assassino, decise di voler abbandonare Heather e portarsi via il bottino. La Tallchief però si costituì ed il colpo fallì.

Ida Summers

Straordinaria prestigiatrice, negli anni 70, giocò per anni nei casinò di Las Vegas. In aiuto nei suoi trucchi la sua bellezza elegante e magnetica che le hanno permesso di sfruttare la sua truffa per molto tempo. Per lei era facilissimo far scivolare le carte “Cooler” nel gioco.

Più giocava e più la sua audacia cresceva fino ad arrivare a far scivolare nel gioco un intero mazzo “Cooler”. Alla fine fu scoperta e punita per le sue bravate ma restò alla storia come una delle poche donne riuscita a barare in quell’epoca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *