La casa più piccola d’Italia

Una casa veramente piccola

Molte volte trovo persone che mi dicono: “ questa casa è troppo piccolo per me”, ora vi mostrerò una vera casa piccola e come può essere allo stesso tempo accogliente, comoda e molto carina per se e per gli amici che ospiterai al fine settimana per stare tutti assieme.

Il locale si trova a Roma a due passi da Piazza San Pietro, un piccolo locale di 23 mq e date le sue dimensione era impossibile da utilizzare e quindi abbandonata a se, fino a quando fino a quando l’architetto Marco Pierazzi lo ha scovato e accetto la sfida. Dopo tutto per achitetti del suo livello queste sfide fanno aperte del suo lavoro e non potrebbe mai tirarsi indietro da tutto questa tentazione

Vi lascio immaginare le pessime condizione di questo locale abbandonato: intonaco che si staccava, muffa, umidità, travi in legno inesistenti, insomma questo edificio era ancora in piedi dal 1700. Una vera e propria sfida che l’architetto Marco Pierazzi  che ha vinto in pieno.

La casa a cui non manca mai nulla

A questa casa no manca niente, ha un stile moderno ed elegante comprensivo di cucina, spazio per dormire, bagno, e una doccia di tutto rispetto, sul piccolo soppalco il divano-letto matrimoniale, armadi, scaffali, tavolo, TV a led, impianto audio Hi-Fi, connessione internet; tutto lo spazio è stato ottimizzato senza rinunciare al comfort.

Un piano soppalcato ospita la camera da letto / soggiorno. Ci si accede attraverso una piccola scalina che conduce ad una botola. La botola si può ribaltare una volta raggiunto il piano superiore in modo da non cadere giù per le scale mentre si cercano le pantofole appena svegli al mattino, cosa che a me personalmente capita molto spesso non so a te che leggi questo articolo.

La sperimentazione su cavie umane

Naturalmente non manca la sperimentazione umana: Pierazzi e sua moglie hanno vissuto in questa casa fino a quando non hanno avuto il loro primo figli. Ora la casa può essere affittata per brevi soggiorni, per rendere la permanenza a Roma ancora più memorabile. Avevo idea di farmi un giro a Roma e quindi andare a prendere un monolocale dato che in due si sta fin troppo bene, intanto è solo per un fine settimana

Questo tipo di case, piccole ma confortevoli, vengono studiate e realizzate su città con un alta densità tipo Hong Kong, una delle città più popolate al mondo, con una densità (dati 2009) di 6500 abitanti per km quadrato. Sicuramente sono curate fino all’ultimo dettaglio

Un altro (triste) esempio lo troviamo, prima di essere smantellata nel 1993, nella citta Kowloon Walled City che è stata la città con la più alta densità di popolazione di tutto il pianeta con una densità abitativa di 1.225.000 persone per km quadrato. Qui la maggior parte degli alloggi, il 60% aveva una superfice di 23 mq.

Quindi non dobbiamo stupirci di questo piccolo esempio nel nostro paese chiamato Italia, anzi per certi paesi è anche la normalità. Quindi dobbiamo farci la bocca e chiederci se avere un tre stanze per una famiglia composta da due persona serva veramente?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *